L’11 ottobre si celebra la Giornata Mondiale della Vista ed è necessario quindi ricordare l’importanza della vista, un bene che spesso trascuriamo. Infatti, secondo l’OMS (Organizzazione Mondiale della Sanità) ci sarebbero 253 milioni disabili visivi sulla Terra, di cui 217 milioni ipovedenti e 36 milioni completamente ciechi. Questo numero è inoltre in aumento, con un prevesione del 50% di persone affette da miopia entro il 2050. La causa di questa tendenza negativa è soprattutto da riscontrare nei nuovi stili di vita che la modernità ci ha affidato. Non è un caso infatti che il problema sia in aumento specialmente tra i più giovani, con una prevalenza a 9 anni del 12%. Le sempre maggiori ore passate al chiuso sui banchi di scuola e l’utilizzo intenso di dispositivi elettronici (smartphone, tablet) causano uno sviluppo errato nella vista dei bambini, in particolare portano ad una condizione patologica: la miopia.

Cos’è la miopia

Nella miopia, i raggi vengono messi a fuoco davanti alla retina

La parola miopia origina dal greco “myo” (chiudere) e deriva dall’abitudine dei miopi a strizzare gli occhi. Infatti questa malattia causa un difetto visivo da lontano. I raggi luminosi che provengono da oggetti distanti non vengono messi a fuoco sulla retina, ma un pò davanti. Questo fa sì che nella retina si formi un’immagine sfuocata. La causa è fondamentalmente genetica, con 161 geni coinvolti nell’anatomia e nelle fisiologia del bulbo oculare. All’interno dell’aspetto genetico, la miopia può essere inoltre ereditaria o acquisita.

Per gli affetti da miopia ereditaria, è necessario intervenire tempestivamente affinchè la condizione non peggiori. I casi acquisiti stanno invece, come detto, aumentando. Per limitare la sua diffusione è necessario quindi modificare il nostro stile di vita e in particolare quello dei bambini. Il bambino deve quindi ritornare a vivere “all’aria aperta”, permettendogli così di sfruttare anche il campo visivo periferico, che viene trascurato dall’uso dei dispositivi mobili. Sebbene crediamo che la riduzione della vista sia un problema risolvibile con l’uso di occhiali e moderne terapie, è bene comunque ritenere la nostra vista un bene prezioso. Se quindi siete in dubbio se guardare un video su Youtube o andare a fare un giro fuori, be’ scegliete la seconda.

Alberto Martini

CONDIVIDI
Articolo precedenteIl Nobel per l’economia che ha danneggiato l’ambiente
Prossimo articolo“I dolori del giovane Werther”: psicodinamica degli amori impossibili

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.