Ebbene sì, dopo 50 anni dalla sua pubblicazione, il capolavoro di Gabriel García Màrquez, premio Nobel per la letteratura, ritorna a vivere, questa volta sotto forma di serie tv targata Netflix. Proprio questa società, famosissima ormai per le sue serie tv in lingua straniera, ha ricevuto il primo sì da parte degli eredi di Màrquez per un adattamento del libro in lingua spagnola.

1° adattamento in serie tv

Se fino ad adesso non vi è mai stato un adattamento sotto forma di serie tv o di film non è a causa di uno scarso interesse nei confronti del libro di Màrquez – interesse per altro dimostrato dai 20 milioni di lettori in tutto il mondo e dalle numerose traduzioni – ma perchè l’autore non ha mai voluto venderne i diritti. Diverse sono state le proposte di trasformare questo libro in un adattamento cinematografico, ma nessuna ha avuto esito positivo. Márquez infatti – a quanto raccontano i figli – essendo ben consapevole della grandezza del suo romanzo era convinto che una storia del genere non potesse essere contenuta nei limiti di un lungometraggio e che produrla in una lingua diversa dallo spagnolo non le avrebbe reso giustizia.

Gabriel García Márquez

Chissà se adesso sarebbe felice di sapere che i suoi personaggi torneranno a vivere secondo le sue volontà e che saranno proprio i suoi figli a fungere da produttori esecutivi.

I rappresentanti Netflix si dicono “incredibilmente onorati di ricevere la fiducia per realizzare l’adattamento di una storia latinoamericana iconica e senza tempo e di condividerla con il mondoTroppo presto ancora per poter avere notizie riguardo la data in cui la serie verrà prodotta. Quello che per adesso si sa è che verrà girata interamente in Colombia, terra patria di Màrquez, e che gli interpreti saranno i migliori attori latino-americani.

Qualche notizia sul libro

Il villaggio accoglie le novità del mondo civilizzato, tra cui la ferrovia.

Il libro, uscito nel 1967, è ambientato nell’immaginario villaggio di Macondo e mostra le vicende della famiglia Buendìa, tra amori proibiti, storie incredibili, civilizzazioni e guerre, profezie e personaggi mai banali che si susseguono per ben 6 generazioni, dalla fondazione del villaggio sino al suo declino quando un diluvio farà perdere agli abitanti tutti i ricordi e un vento violentissimo spazzerà il villaggio dalla faccia della terra. Si tratta di un libro in cui fantasia e realismo si mescolano insieme ed è quasi impossibile distinguere l’uno dall’altro. È con questo libro che entra a far parte della letteratura sudamericana il cosiddetto “realismo magico“. Con questo nome si intende una particolare tecnica stilistica che consiste nell’unire fatti realmente accaduti con elementi fantastici. Questo è quello che fa l’autore ispirandosi per i suoi racconti o a persone conosciute durante l’infanzia o a eventi della storia colombiana. Questa tecnica impernia tutto il romanzo presentandoci personaggi e situazioni così particolari da rimanere impressi nella mente degli appassionati lettori anche dopo anni.

Ardua sfida per Netflix

Ogni adattamento filmico o seriale di un libro ha sempre in sè un’ardua sfida: quella, da parte dei produttori, di saper rendere il prodotto finale il più fedele possibile al libro. Questa la sfida che Netflix dovrà affrontare e quella che temono di più i lettori più appassionati. Sarà dura infatti ricreare la magia insita nel libro di Màrquez, ma soprattutto far rivivere i tantissimi e particolarissimi personaggi che sono presenti nel libro in un’unica serie tv. Chissà se Netflix sarà all’altezza di ridare vita in modo fedele ad un libro che per generazioni ha appassionato migliaia di lettori, compresa me.

Eleonora Raso

CONDIVIDI
Articolo precedenteQuicksilver e la resistenza fisica: il segreto è l’altitudine
Prossimo articoloIl sadismo di De Sade come allegoria del consumismo contemporaneo: il caso di Pasolini

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.