Alessio Figalli, un brillante matematico italiano di 34 anni, si è appena aggiudicato la Medaglia Fields, uno dei più importanti riconoscimenti mondiali per i matematici sotto ai 40 anni. L’annuncio è stato dato a Rio de Janeiro, in apertura del Congresso internazionale dei matematici che si svolgerà fino al 9 agosto.

La carriera accademica

Dopo la maturità classica a Roma, Figalli ha conseguito in quattro anni la laurea triennale e la laurea specialistica in matematica alla Normale di Pisa, con tesi sul trasporto ottimale. In un solo anno, anziché tre, ha ottenuto un dottorato di ricerca tra Pisa e Lione, entrando in contatto con Cedric Villani, Medaglia Fields nel 2010 nonché matematico vicino al Presidente francese Macron. Dopo un posto da ricercatore al CNRS, il corrispettivo francese dell’italiano CNR (Consiglio Nazionale delle Ricerche), e una cattedra all’Ecole Polytecnique di Parigi, a soli 26 anni approda ad Austin, in Texas, dove viene assunto come professore associato e, dopo due anni soltanto, ordinario. Nel 2016 il ritorno in Europa con la cattedra a Zurigo: una carriera che la maggior parte degli accademici non ottiene in una vita.

Figalli ha all’attivo 119 pubblicazioni e altri 22 studi proposti, nonché molti altri riconoscimenti importanti come il Premio Feltrinelli, assegnato dall’Accademia Nazionale dei Lincei. Per l’Italia è la seconda Medaglia Fields dopo quella assegnata nel 1974 ad Enrico Bombieri.

Il contributo al mondo scientifico

Figalli, nato a Roma il 2 aprile 1984, è un matematico teorico docente al Politecnico di Zurigo. L’ambito premio, spesso paragonato a un ”Nobel per la Matematica”, gli è stato conferito “per i suoi contributi al trasporto ottimale, alla teoria delle equazioni derivate parziali e alla probabilità”. Il concetto di trasporto ottimale può sembrare un po’ ostico ai non addetti ai lavori: di fatto, si tratta di calcolare il costo di trasportare oggetti da una parte all’altra, e di trovare, quindi, la soluzione più efficienti. Le equazioni elaborate in questo ambito della matematica descrivono un’ampia gamma di fenomeni in molte discipline, dall’urbanistica all’economia, fino alla meteorologia. Figalli si è occupato in particolar modo di trasporto ottimale in natura, studiando la deformazione dei cristalli al variare della temperatura e l’evoluzione delle nuvole (o meglio delle particelle di vapore acqueo che le compongono) nel tempo. I suoi studi possono servire, per esempio, ad elaborare previsioni meteo più accurate, anche se, trattandosi di matematica teorica, non è necessario che abbiano applicazioni pratiche.

La medaglia Fields

Recto e rovescio della medaglia

La International Medal for Outstanding Discoveries in Mathematics, o più semplicemente medaglia Fields, è un premio riconosciuto a matematici che non abbiano superato l’età di 40 anni e viene conferito in occasione del Congresso internazionale dei matematici della International Mathematical Union (IMU), che si tiene ogni quattro anni.    La medaglia Fields è spesso considerata come il più alto riconoscimento che un matematico possa ricevere al pari del premio Abel, per questo motivo i due premi sono da molti definiti come il “Premio Nobel per la Matematica”, sebbene l’accostamento sia improprio per varie ragioni, tra cui il limite di età insito nel conferimento della medaglia Fields.

Il riconoscimento viene accompagnato da un premio in denaro di 15.000 dollari canadesi.  Il nome comunemente usato per identificare il premio è in onore del matematico canadese John Charles Fields. Fields è stato indispensabile nell’ideazione del premio, del disegno della medaglia vera e propria e nel raccogliere i fondi che permettessero la nascita del premio.

-Valto

CONDIVIDI
Articolo precedenteIstat, giugno e la disoccupazione
Prossimo articoloIl declino del bello:lo stress del non gusto