Le feste natalizie si avvicinano e certamente la dieta non è una prerogativa del mese di dicembre. Tra tortellini e panettone, la quantità di cibo che assumiamo è così elevata che distesi sul divano è il modo migliore per recuperare, possibilmente fino all’Epifania. Durante questo periodo spesso ci sentiamo scoppiare. Già, ma è possibile che lo stomaco scoppi per aver mangiato troppo?

Capacità dello stomacohttps://lamedicinaestetica.files.wordpress.com/2017/01/medicina-online-dott-emilio-alessio-loiacono-medico-chirurgo-roma-capacita-massima-stomaco-scoppiare-seven-riabilitazione-nutrizionista-infrarossi-accompagno-commissioni-cavitazione-radi.jpg?w=640&resize=469%2C200

Uno stomaco normalmente può contenere fino a 1-1,5 L di bolo, con una capienza media di 0,5 L. Le pareti, contenenti fibre muscolari, possono distendersi agevolmente e arrivare anche a 4 L di capacità, con conseguente compressione di addome, torace e vasi. In casi estremi arriva anche a 7 L, non senza danno alle strutture vicine. Questi sono però casi estremi. Nella distensibilità di quest’organo il protagonista è però il cervello. Oltre a favorire lo svuotamento dello stomaco attraverso il nervo vago stimolando le cellule muscolari, inibisce l’ingresso di ulteriore cibo. In particolare, il centro ipotalamico della sazietà e il rilascio di ormoni determinano una sensazione di riempimento che impedisce l’ingresso di ulteriore cibo. Si è appunto sazi.

Ho ancora fame

Se però continuiamo a riempirci di cibo, viene adottato un meccanismo drastico: il vomito. Uno stomaco normale e in salute quindi impedisce il suo danneggiamento eliminando il contenuto al suo interno. Esistono però dei casi in cui l’eccesso è stato dannoso. In particolare, la rottura accade in quei soggetti che assumono bicarbonato dopo un pasto abbondante dato che il gas che viene prodotto porta a danneggiare le pareti (sia chiaro, le dosi devono essere veramente eccessive). Un caso del 1984 riguarda invece una donna che aveva un addome simile a quello di una donna incinta al nono mese. Si scoprì che aveva assunto carne, uova, funghi, carote, un cavolfiore, pane, dieci pesche, quattro pere, due mele, quattro banane, susine, uva e latte per un totale di poco meno di nove chili di cibo. Lo stomaco si ruppe poco dopo e morì a causa di una sepsi.

I casi sono comunque rarissimi e spesso rigurdano un danneggiamento della parete più che una rottura o una esplosione vera e propria. Tuttavia, a Natale potete misurare la capacità del vostro stomaco e capirne il punto di rottura.

Alberto Martini

CONDIVIDI
Articolo precedenteLa personalizzazione politica: cause e conseguenze
Prossimo articoloPerché siamo tutti inutili di fronte ad Hegel

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.