Nell’esperienza di vita quotidiana sarà sicuramente capitato a tutti di farsi una radiografia o una qualsiasi visita diagnostica tramite imaging. Solitamente per vedere cosa si ha viene consegnato un cd oppure vengono dati username e password per scaricare il referto e l’immagine da un portale web.

Il problema sorge quando si vuole aprire dal proprio pc l’immagine e questo non risulta possibile: la perplessità è quasi scontata in una situazione del genere. Ma perché non si apre? La risposta è una sola: DICOM

Il DICOM

Il DICOM (Digital Imaging and Communication in Medicine) è uno standard per la trasmissione delle immagini. Di fatto è un formato per la compressione delle immagini. Ed è pure uno standard “de facto”, cioè non imposto ma convenzionalmente usato e accettato da tutti. Un po’ come se tutti parlassimo una lingua senza che ci venisse imposta, come se implicitamente e inconsciamente ci fossimo accordati. Inizialmente è nato in Radiologia, perché, chiaramente, è il reparto che per primo produce immagini diagnostiche (occhio, non è l’unico!).

Lo scopo dello standard, come di tutti gli standard, è quello di garantire l’interoperabilità delle apparecchiature e quindi permettere a tutti di capirsi, riprendendo il parallelismo con la lingua.

Una particolarità ulteriore del DICOM è il suo essere “object oriented”: l’object oriented è un paradigma informatico in cui non si mette al centro dell’attenzione la procedura, cioè quello che si deve fare ma l’oggetto. Un oggetto è un’astrazione della realtà e include pure le sue “qualità”, cioè gli attributi, e le azioni che è possibile eseguire con esso.

La struttura del DICOM

Tornando al DICOM abbiamo un oggetto, cioè un IOD (Information Object Definition) che contiene l’entità a cui si fa riferimento e i suoi attributi, in soldoni l’immagine e le sue caratteristiche come, ad esempio il nome del paziente a cui appartiene.

L’IOD così formato, unito ai DIMSE (DICOM message service element), forma una SOP class (Service Object Pair class). Anche qua in soldoni: l’immagine e i suoi attributi sono uniti a questi DIMSE in cui sono specificate quali operazioni che possono essere fatte e su cosa. Insiema formano questa SOP che non indica altro che quali operazioni possono  essere fatte su quello specifico IOD.

Un file DICOM non è ancora finito: infatti la SOP class è contenuta nel dataset, ma affianco a quest’ultimo c’è pure una intestazione, “header”. Insieme formano un file.

DICOM in sostanza

In sostanza DICOM non è solo un formato per le immagini ma è uno standard perché indica anche come scambiare i messaggi DICOM, cioè come trasferire le immagini o operare su esse. Esistono, per esempio del servizi web che permettono la condivisione di immagini via web (WADO). Quest’ultimo servizio è quello che sta dietro alla piattaforma web da cui in alcune strutture è possibile scaricare l’immagine.

  

Tornando al problema iniziale è possibile vedere come il computer non apre l’immagine perché DICOM è specifico per la medicina: è quindi necessario avere dei “DICOM viewer”, cioè dei programmi che riescono ad aprire l’immagine. Ce ne sono anche gratuiti e anche per smartphone e tablet. Alcuni aprono semplicemente l’immagine, altri, più sofisticati, permettono la visualizzazione anche degli attributi. Infine, quelli da ospedale permettono l’uso dei servizi DICOM.

 

 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.