Sono omosessuale”.

Questa frase puó essere vista come uno scherzo ma, vi assicuro, nella mente del ragazzo o della ragazza che lo é, si possono riscontrare un turbinio di emozioni contrastanti.

L’ 11 Ottobre si festeggia la “Giornata mondiale del Coming-out“, e in questa sede parleró del processo mentale che avviene in questa importante fase della “rinascita” di un individuo omosessuale.

Analizziamo l’ etimologia: coming-out,dall’ inglese, venire fuori: é il momento nel quale il soggetto ha concluso il suo percorso interiore per capire davvero il proprio orientamento sessuale.

Dopo anni passati a chiedersi: “Chi mi piace?”, é l’ ora di parlarne in modo chiaro e tondo. Molte persone potranno rispondere pensando che é una cosa sì importante, ma non difficile da esporre.

L’ omosessuale egosintonico (che accetta la propria preferenza verso soggetti dello stesso sesso), prova innanzitutto una paura innata e a volte immotivata, per motivi quali le reazioni dei genitori, degli amici, della società.

Tuttavia, ci sono una sorta di allegria e coraggio, che sono maturati negli anni precedenti, per via della possibilità di vedere la luce in fondo al tunnel, dopo cuoezza e nuovo nell’ indecisione.

La voglia di fare il grande passo é alle stelle, ma é frenata dal timore. Purtroppo, nella società odierna, non abbiamo un unico cervello per tutti: c’é che la pensa in un modo, chi in un altro e, nonostante ció, chi pensa di aver ragione puó essere che ha torto e viceversa.

L’ attesa è finita, viene riferita la confessione. E poi? Buio.

Le reazioni che si susseguono nella mente degli altri individui, possono andare da quelle piú classiche fino a quelle piú strane.

Rivolgendomi ai ragazzi e alle ragazze che vogliono confessare questa loro preferenza sessuale, dico che le reazioni degli altri non devono influenzare la vostra vita, perché i protagonisti siete voi! É nessun’ altro deve toccarvi o limitarvi nella libertà di amare.

Finché c’è amore c’è tutto!

Per i ragazzi che sono ancora nel loro periodo che di transito,invece, consiglio di prendersi tutto il tempo disponibile e necessario, per capire bene quello che provano verso la loro sessualità e poi pensate bene: se non vi accettano, non preoccupatevi: o non vi meritano o semplicemente hanno un loro pensiero.

Accettatelo!

Poi, quando sarà il momento,saranno i primi ad amarvi e a ricredersi addirittura.

Coming-out

 

Mattia Mancini 

 

CONDIVIDI
Articolo precedenteCome l’Africa è diventata una nuova colonia cinese
Prossimo articoloCome funzionano i viaggi nel tempo? Ve lo spieghiamo attraverso Donnie Darko

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.