Il settore dell’intelligenza artificiale è in continuo sviluppo. Recenti studi mostrano come questa possa essere in grado di riscrivere in modo diverso il testo di una canzone. Fin dove potrà spingersi la scienza?

L’intelligenza artificiale è un campo di studi molto ampio e studiato. Dei recenti studi presso l’università di Waterloo in Canada hanno permesso di evidenziare come questa sia in grado di creare nuovi testi di canzoni ispirandosi a quelli già esistenti. L’IA è in grado di ispirarsi a testi già scritti e creare addirittura nuove metafore, modificando il testo originale. Il progetto è nato da un’idea della ricercatrice Olga Vechtomova basandosi sulla propria passione per la musica. “Lavorando sui modelli generativi di testo, il mio gruppo di ricerca ha scoperto che le reti neurali possono generare versi emozionanti.” ha dichiarato la Vechtomova. Questo ha portato i ricercatori a testare la capacità dell’intelligenza artificiale di apprendere un metodo per scrivere versi musicali.

Cos’è l’intelligenza artificiale

Intelligenza artificialeSi tratta di una branca dell’informatica che studia la progettazione di computer in grado di effettuare delle azioni di pertinenza dell’intelletto umano. L’intelligenza artificiale deve quindi poter:

  1. Agire umanamente
  2. Pensare umanamente
  3. Pensare razionalmente
  4. Agire razionalmente

Il computer deve essere in grado di svolgere dei compiti in modo più simile possibile ad un essere umano. Lo scopo è quindi quello di creare delle macchine in grado di risolvere problemi in modo autonomo.

Il primo progetto di IA risale al 1943 quando Warren McCulloch e Walter Pitt proposero il primo neurone artificiale. Successivamente, negli anni 50, comparirono i primi prototipi di reti neurali, quando Alan Turing iniziò a parlare della possibilità di un computer di comportarsi come un essere umano. L’intelligenza artificiale si è evoluta fino ad arrivare allo sviluppo di chip neuromorfici per emulare le funzioni cognitive del cervello umano.

Tuttavia l’argomento ha sollevato dubbi da parte di alcuni grandi scienziati come Stephen Hawking: “Non possiamo prevedere cosa riusciremo a raggiungere quando le nostre menti verranno amplificate dalle Ai. Forse, con questi nuovi strumenti, riusciremo a rimediare ai danni che stiamo infliggendo alla natura e forse potremmo essere in grado di sradicare povertà e malattie. Ogni aspetto della nostra vita verrà trasformato. Ma è anche possibile che con la distruzione di milioni di posti di lavoro venga distrutta la nostra economia e la nostra società“.

Lo studio sui testi delle canzoni

Secondo quanto affermato dal gruppo di ricerca canadese, l’intelligenza artificiale riesce a riscrivere i testi delle canzoni grazie ad un algoritmo chiamato Variational Autoencoder. Questo consente al computer di analizzare i testi di alcune canzoni e riscriverli in modo diverso, pur mantenendo e il significato. La Vechtomova sottolinea che pur contenendo spesso le stesse parole usate dall’artista, l’intelligenza artificiale “le usa in modi nuovi e interessanti, esprimendo nuovi concetti che non si trovano nelle liriche originali“. Lo scopo di questo esperimento sarebbe quello di creare delle macchine in grado di aiutare nella composizione dei testi.

Michele Sciamanna

CONDIVIDI
Articolo precedenteGelosia scientificamente spiegata: come funziona? è davvero così sbagliata?
Prossimo articoloFord costretta al licenziamento di massa: lo storico welfare del Fordismo è solo un ricordo?

1 commento

  1. Ciao Michele, io sono Giulio e sono uno studente di informatica. Sto sviluppando un sistema simile a quello di questo articolo. Magari, se ti interessa ci possiamo sentire e te lo racconto.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.